Impermeabilizzazioni speciali in controspinta

Il caso tipico – e ne abbiamo risolti parecchi – è quello della tromba dell’ascensore che tende ad allagarsi, per infiltrazione dall’esterno della vasca in cemento armato. In questi casi, non è possibile intervenire dal lato più ovvio (ovvero: dall’esterno) se non effettuando un colossale intervento di scavo nella profondità dell’edificio, con tutti i costi ed i rischi che ne deriverebbero.

L’unica alternativa tecnicamente ed economicamente praticabile è un intervento di impermeabilizzazione eseguito dall’interno della vasca dell’ascensore, ovvero in controspinta rispetto alla direzione dell’infiltrazione.

Si tratta di una operazione tutt’altro che semplice, che richiede competenze (ed attrezzature) specifiche: è fondamentale pianificare accuratamente le diverse fasi dell’intervento, eseguire una accurata preparazione del fondo ed utilizzare i prodotti giusti (usualmente resine con base cementizia), in grado di opporsi efficacemente alla pressione infiltrativa dell’acqua.

Se correttamente eseguiti e qualora vengano impiegati i giusti prodotti, gli interventi di impermeabilizzazione in controspinta danno risultati eccellenti e di lunga durata; inoltre risultano invariabilmente di gran lunga più economici e molto meno complessi delle usuali soluzioni praticate in edilizia convenzionale.